Consigli per fare trading online

trading online

Quando, circa una settimana fa, ci è giunta l’ennesima domanda di un lettore che ci chiedeva come fare trading online, abbiamo capito che la questione è molto sentita. Proprio per questo abbiamo deciso di tornare nuovamente sull’argomento e di partire proprio da un argomento specifico che, spesso, viene trascurato, ossia dalle tipologie di trading.

Se vuoi investire in borsa in modo professionale, infatti, comprendere bene le differenze tra i vari strumenti e i vari mercati diventa fondamentale e risponde, in un certo senso, alla domanda: perchè fare trading online? Ma andiamo con ordine e cominciamo a capire alcuni concetti chiave.

Primo passo: le tipologie di trading

Siamo tutti a conoscenza di quanto sia difficile, al giorno d’oggi, investire in un nuovo settore: le situazioni internazionali ed economiche sono sempre più complesse, e le facilità di guadagno si sono via via azzerate. Quindi questo è il periodo peggiore per iniziare ad investire? Al contrario: maggiore è il temine di incertezza, maggiori variazioni ci saranno, e, i bravi trader, riescono a “fiutare” il trend con anticipo e a guadagnare molti soldi. Ma come si diventa buoni trader? Innanzitutto, conoscendo l’argomento.

E la prima cosa da conoscere, nel mondo del trading online, sono le diverse possibilità offerte dalla rete, ovvero le varie tipologie di trading che è possibile fare in rete. Iniziamo ad elencarle:

  • Mercato FOREX
  • Mercato delle MATERIE PRIME
  • Mercati AZIONARI
  • Indici
  • Titoli di Stato
  • Opzioni binarie

Il primo settore, il Forex, offre i più grandi scambi monetari mondiali, e la possibilità di investire anche somme molto basse in un lasso di tempo molto breve; di contro, è molto difficile da prevedere e da conoscere a fondo, e anche i trader migliori faticano molto per guadagnare davvero in questo settore.

Il secondo punto riguarda il mercato delle Materie Prime, ovvero lo scambio dei loro derivati: i migliori e più numericamente interessanti sono il petrolio, l’oro, il grano, l’argento, il metano.

Il terzo settore riguarda il mercato azionario: come per il Forex, gli scambi quotidiani sono numerosissimi, ma di contro la situazione attuale di incertezza scoraggia gli investitori da questo settore.

Il quarto settore riguarda i Titoli di Stato: non fatevi ingannare dai bassi interessi di questo settore: il guadagno, come per il Forex, è sulle variazioni fra quelli di uno stato e l’altro, che può variare moltissimo anche giorno per giorno.

L’ultimo settore riguarda le opzioni binarie: sono fra quelle più complicate, e pertanto sconsigliate per chi si affaccia per la prima volta nel settore del trading online; di contro, rappresentano una notevole possibilità di guadagno, e sono utilizzate soprattutto per fare trading online su valute, indici azionari e materie prime.
Qualunque settore scegliate, consigliamo in ogni caso di informarvi sul settore in cui intendete investire, e di leggere tutto quello che trovate per assimilare esperienza che vi servirà in futuro in questo settore.